Il progetto di ricostruzione del periodo 1400-1420 nasce nel 2013 in collaborazione con il Borgo Medievale di Torino. Da tale collaborazione è stato infatti inaugurato un “museo vivente”, unico nel suo genere in Italia, nella Rocca del Borgo, ricostruzione ottocentesca di un castello piemontese degli inizi del XV secolo. Il progetto di ricostruzione si avvale della preziosa consulenza degli storici del C.R.I.S.M. (Centro di Ricerca sulle Istituzioni e le Società Medievali) dell’Università di Torino.

Il periodo storico scelto per la ricostruzione copre le prime due decadi del XV secolo (1400-1420) focalizzandosi sull’area sabauda, e avendo come evento di riferimento l’elevazione della Savoia a ducato, sotto Amedeo VIII, nel 1416. La ricostruzione e lo studio hanno come soggetto la corte di un verosimile nobile savoiardo, ed includono, oltre al Signore e alla sua famiglia, i membri della corte, la servitù del castello e gli uomini d’arme e i balestrieri della guarnigione. La composizione della corte riflette il risultato di studi su moltissimi documenti della Savoia cis- e transalpina. Analogalmente gli abiti sono il risultato di un minuzioso progetto di ricerca storica sartoriale che tenta di ricreare le complesse tecniche di sartoria del Quattrocento.

L’ambiente della Rocca permette di ricostruire scene di vita quotidiana, così come momenti importanti e celebrazioni, il tutto nel rispetto della massima correttezza storica. Tutti i dettagli vengono esaminati dai ricercatori dell’Università di Torino e supportati da amplia bibliografia, nel tentativo di fornire una ricostruzione il quanto più possibile precisa e di rendere la visita un’esperienza di elevato valore didattico per gli spettatori.

 

1 Comment

  1. Pingback: Dimostrazione – La guerra nel Medioevo tra ricostruzione storica e HEMA | La Sala delle Armi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *